Tutorialdock | Free Web Resources

Intel: nuovi processori Celeron, Pentium e Core

| di:

sandybridge Intel: nuovi processori Celeron, Pentium e Core

Aria di cambiamento in casa Intel. Le gamme Celeron, Pentium e Core presentano nuovi modelli di processore, garantendo così un pizzico di freschezza nelle soluzioni hardware marchiate Intel.

Pre quanto riguarda la gamma Celeron (fascia medio-bassa) sono stati presentati tre modelli che hanno frequenze comprese tra 1,6 ghz e 2,5 ghz, a singolo e a doppio core che garantiranno una buona varietà di soluzioni per quanto riguarda i sistemi di fascia bassa (per il modello Celeron G540, il migliore per caratteristiche, il prezzo per lotto da mille unità si aggira intorno ai 52 dollari cadauno).

Tre sono le offerte anche per la gamma Pentium: G630, G630T e G860. Come nel caso dei Celeron, tali processori non prevedono l’implementazione del Hyper- Threading, con la possibilità dunque di avere solo due core fisici. Le frequenze vanno dai 2,3 del modello G630 ai 3,0 ghz del modello G860.

Per quanto riguarda la gamma Core troviamo tre nuovi modelli i3 e un nuovo modello i5. Tra gli i3 annoveriamo i modelli  2120T, il 2125 e il 2130 con frequenze che vanno dai  2,6 e 3,4 GHz e TDP da 35 a 65 watt. I suddetti processori implementano la tecnologia Hyper- Threading e sono tutti dual-core.

Il nuovo arrivato nella famiglia degli i5 si chiama Core i5 2320, quad-core con Hyper- Threading, con frequenza da 3 GHz (3,3 GHz in Turbo Boost), cache L3 da 6 mb ed un TDP da 95 watt. Il prezzo sale a 177 dollari per unità in lotto da 1000 pezzi.

Le maggiori sorprese però le ritroviamo nella gamma di punta, Intel core i7, che conta 4 nuovi processori, tra cui un dual-core, il core i7 2640M con frequenza di 2,8 ghz (3,5 con turbo boost), 4 mb di cache L3 e TDP da 95 watt.

Gli altri modelli sono tutti quad-core con Hyper- Threading; il modello di spicco si chiama core i7 2760 QM, processore con frequenza 2,4 ghz (3,5 con turbo boost), 6 mb di cache L3 e TDP da 45 watt. Per questo modello il prezzo sale e si attesta intorno ai 380 dollari per pezzo.

Le novità appena descritte hanno portato, oltre all’effetto diretto di aggiornare la dotazione hardware Intel, ad una diminuzione dei costi dei modelli attualmente in uso di circa il 4% in media.

Con questa mossa la nota casa produttrice consolida il suo ruolo di leader nel mercato processori e fa un altro passo in avanti nella gara al progresso, divenuta negli ultimi tempi frenetica e combattuta.

Tags:


L'Autore

Studente di Farmacia con la passione dell' hi-tech scrivo news dal mondo della tecnologia e seguo il lancio di nuovi devices. Sito web dell'autore

Tips: abilitare Airdrop sui mac non supportati ufficialmente