Tutorialdock | Free Web Resources

Web Browser: Chrome guadagna Usage Share

| di:

browserstats Web Browser: Chrome guadagna Usage Share

È ormai conosciuta da tutti la cosiddetta Guerra dei browser che coinvolge i maggiori programmi dedicati alla navigazione web: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Safari, Opera e (da alcuni anni) Google Chrome.

Nell’ultima settimana di novembre StatCounter ha segnalato che il 23.6 per cento dei browser monitorati dal suo sistema globale usavano Chrome 15, mentre Internet Explorer 8 di Microsoft  rappresentava il 23,5 per cento. Sommando invece tutte le versioni di IE e Chrome si ottiene un ulteriore differente risultato: IE è il browser più popolare in generale, ben prima di Chrome.

I numeri di StatCounter mostrano che tutte le versioni di IE ricevono un totale di 40,09 per cento del mercato, rispetto al 26,31 per cento per tutte le versioni di Chrome. Firefox si trova al 25,07 per cento, Apple Safari al 5,86 per cento e Opera ottiene 1,91 per cento.

C’è da dire però che la vittoria di Chrome 15 non è estremamente significativa. Il sistema di aggiornamento integrato del browser spinge infatti gli utenti ad aggiornare automaticamente alle nuove versioni, riducendo il numero degli utenti che eseguono vecchie edizioni del browser. Microsoft al contrario è meno invadente e questo aiuta a spiegare perché un numero significativo di persone ancora esegue il vecchio, obsoleto, insicuro Internet Explorer 6.

Molto probabilmente per lo stesso motivo per cui IE è tuttora il browser più diffuso e cioè che non tutti sono a conoscenza di un’alternativa al programma built-in in Windows. Molti infatti non sanno proprio cosa sia un browser (nonostante lo utilizzino per navigare) e soprattutto quando si parla di “Internet” associano il concetto automaticamente al browser della Microsoft. Probabilmente se sui sistemi operativi Windows si potesse scegliere il browser da installare al primo utilizzo del computer, le percentuali sopra citate subirebbero un forte calo.

Tutto il successo di IE sta dietro al fallimento di Netscape Navigator (precedente leader del mercato dei browser) nel 1990, Internet Explorer da allora guadagnò un monopolio sul mercato che sembrava non sarebbe terminato. Infatti una volta preso terreno e venendolo pre-installato su Windows, Internet Explorer mantiene ancora oggi un notevole vantaggio sopra ogni altro browser.

Fino a pochi anni fa si poteva pensare che con la comparsa di Firefox si sarebbe potuto ottenere un sorpasso di IE, tornando ai giorni in cui Internet Explorer 6 era la versione corrente di IE e possedeva circa il 90 percento. Infatti rapidamente raccolse milioni di utenti dimostrando che era possibile competere con il browser di default di Windows.

Da quando Google ha presentato Chrome nel 2009, Firefox ha probabilmente perso la sua chance di prendere il primo posto. Tutto ad un tratto Chrome è divenuto “il browser” innovativo e alternativo, tanto che recentemente la percentuale di Firefox si è stabilizzata per poi calare.

Se l’open-source Firefox fosse riuscito a superare IE sarebbe stata una grande vittoria nella storia della tecnologia, dove un gruppo di geek si unisce per battere la più grande società di software al mondo. Se Chrome prendesse il comando si tratterebbe solo di una grande società che batte un’altra grande azienda (anche se effettivamente lo sviluppo di Chrome avviene prima sull’open-source Chromium). L’impatto emotivo non sarebbe comunque lo stesso.

Ringraziando la competizione che c’è tra i browser, c’è da dire poi che IE 9 è una versione decisamente migliore delle precedenti come a dimostrazione del fatto che Microsoft, trovandosi di fronte ad una effettiva concorrenza, sia costretta a creare dei prodotti competitivi e migliori visto anche che presto imporrà a tutti i suoi sistemi il passaggio all’ultima versione del browser.

Tags:


Tips: abilitare Airdrop sui mac non supportati ufficialmente