Tutorialdock | Free Web Resources

Windows: più leggero con pulizia avanzata

| di:

windowscare Windows: più leggero con pulizia avanzata

Gli HDD di ultima generazione sono spesso molto più capienti di quanto effettivamente sia necessario, ma anche loro si riempiono inesorabilmente.

Per ottenere il miglior risultato bisogna lasciar perdere fin da ora programmi “All-in-One” che promettono una pulizia completa del sistema in pochi secondi con il minimo sforzo: questi infatti sono spesso superficiali e vanno ad eliminare files che invece risultano essere vitali per il sistema.

La gran parte dei files spazzatura in cui ci imbattiamo sono generati da programmi, dallo stesso sistema operativo e dalla navigazione internet.

Proprio quest’ultima infatti, sebbene non si noti così facilmente, necessita il salvataggio in locale di documenti temporanei, immagini ed altri elementi in modo da velocizzare la navigazione ed accelerare l’apertura delle pagine web.

E’ quindi opportuno liberare l’hard disk da questi dati inutili, che spesso contengono anche informazioni sensibili, ed aumentare lo spazio a disposizione.

Pulizia classica

Anche in questo caso utilizzeremo un’utility fornita da Microsoft: digitiamo “Pulizia Disco” nel menù start (“accessori>utilità di sistema>pulizia disco” su Windows XP) e selezioniamo la partizione in cui è installato il sistema.

Verrà calcolato l’ammontare di file che è possibile eliminare con una stima dello spazio liberato: clic quindi su “ok” per procedere.

Pulizia avanzata

Per una pulizia ancora più accurata è possibile sfruttare il tool di Pulizia Avanzata esistente in Windows Vista e 7: digitiamo cmd nella barra di ricerca veloce, quindi eseguiamolo come amministratore.

Nel prompt dei comandi digitiamo %SystemRoot%\System32\Cmd.exe /c Cleanmgr /sageset:65535 & Cleanmgr /sagerun:65535 seguito dal tasto “invio”.

Potremo eliminare una gran quantità di file inutilizzati dal sistema quali, file obsoleti del chkdsk e file scartati dall’aggiornamento di Windows sgravando l’hard disk di un carico inutile.

Tags:


Tips: abilitare Airdrop sui mac non supportati ufficialmente