Tutorialdock | Free Web Resources

Google, 1 milione a chi vìola Chrome

| di:

google chrome violato Google, 1 milione a chi vìola Chrome

Google ha annunciato lunedì che avrebbe pagato la somma di 1 milione di dollari in contanti a chiunque sia riuscito ad hackerare il suo browser Chrome durante la Pwnium Security Challenge la prossima settimana a Vancouver presso la conferenza CanSecWest.

L’azienda si è impegnata ad elargire diversi premi degli importi di 60.000, 40.000 e 20.000 dollari a seconda del livello dell’impresa, fino ad arrivare appunto ad 1 milione di dollari. I vincitori riceveranno in regalo anche un Chromebook.

Sul blog di Google si legge:

Abbiamo bisogno di ogni set di exploit di un bug per essere affidabili, completamente funzionali”. Gli exploit dovranno funzionare contro macchine con Windows 7 che eseguono il browser Chrome.

In realtà per vincere anche solo parte del bottino, gli hacker non dovranno necessariamente prendere di mira Chrome.

Google pagherà 20.000 dollari anche a tutti i partecipanti che riusciranno a sfruttare i difetti di programmazione di Windows, Flash o altri driver. Ma per gli hacker che si concentreranno su Chrome è disposto a sborsare le cifre più alte in assoluto: ben 60.000 dollari per chi riesce a trovare una falla nel browser.

In cambio della ricompensa, Google chiede ai vincitori di cedere alla compagnia i dettagli dei difetti di programmazione sfruttati per l’”hackeraggio”, una condizione che lo Zero day iniziative non ha mai imposto agli hacker.

La sfida di hacking di Google si affianca al concorso di 15 mila dollari del Pwn2Own che si svolge ogni anno al CanSecWest e che sfida i ricercatori a sfruttare le vulnerabilità dei browser.

Lo scorso anno, Google ha offerto una ricompensa di 20.000 dollari, sulla base di 15.000 del premio del Pwn2Own, per chi avesse “intaccato” con successo Chrome, ma non ci furono vincitori.  Chrome infatti, è attualmente l’unico browser del Pwn2Own che non è mai stato hackerato.

I concorrenti hanno dichiarato che le difficoltà incontrate per bypassare la sandbox di Chrome sono la ragione per cui hanno evitato il browser di Google e si sono focalizzati invece sui browser come Internet ExplorerSafari.

Vedremo quest’anno quali saranno i fortunati vincitori che riusciranno nell’impresa di violare Google Chrome.

Tags:


Tips: abilitare Airdrop sui mac non supportati ufficialmente