Tutorialdock | Free Web Resources

Google Drive: cerca all’interno delle immagini con OCR

| di:

google drive Google Drive: cerca allinterno delle immagini con OCR

Dopo 6 anni di attesa Google drive è stato lanciato il 24 aprile. Il drive.google.com offre 5 GB di spazio fruibili da tutti quanti posseggano un account Google, per arrivare a 100 GB di spazio premium e oltre.

Google Drive è il servizio cloud di Google al quale si può accedere da più dispositivi (smartphone, tablet, PC) ed va in competizione diretta con Dropbox , SkyDrive (di Microsoft), iCloud (di Apple) ed altri simili.

Ovviamente Google Drive sarà ben integrato anche all’interno dell’ecosistema Android in modo da permettere a tutti gli utenti in mobilità di poter accedere ai propri dati salvati online, in ogni momento.

Su Google Drive possono essere caricati tutti i tipi di file, dai pdf ai video, passando per foto, documenti vari, fogli di calcolo e molto altro ancora. I file sono salvati online e sono accessibili da qualsiasi dispositivo che sia connesso a Internet.

Il sito andrà a sostituire e integrare il precedente Google Docs (docs.google.com) e se vorrete modificare i file di office dovrete adottare il formato online dei documenti di google altrimenti sarà possibile soltanto visualizzarli.

Sarà invece possibile scaricarli e convertirti nei formati più usati delle varie suite per ufficio (tra cui .odt, .doc, .exl, .odf, ecc.).

Google Drive è accessibile da computer, Mac, da tablet e smartphone che utilizzano Android tramite un’apposita applicazione; presto sarà anche disponibile una app studiata apposta per iOS.

I programmi per Mac e PC sono  interessanti perché consentono di avere direttamente una Sync directory sul proprio computer: inserendovi un file, questo viene direttamente salvato online e condiviso sugli altri dispositivi sui quali si utilizza il proprio account Google.

Per antonomasia Google è prima di tutto un Web Search Engine. Gli sviluppatori di Google Drive hanno applicato la stessa idea anche per il nuovo servizio, così da rendere il più semplice possibile il reperimento dei propri file.

Il sistema di ricerca permette infatti di trovare i file per specifiche parole chiave ed è dotato anche di una opzione OCR. Sarà quindi possibile ritrovare un ritaglio di giornale scansionato e caricato online cercando il testo in esso contenuto.

Se vuoi sapere di più sulla privacy policy dei dati leggi: Drive e la nuova policy di Google

Tags:


Tips: abilitare Airdrop sui mac non supportati ufficialmente