Tutorialdock | Free Web Resources

Monitoraggio Risorse: come interpretare il consumo di RAM

| di:

gestione risorse w7 Monitoraggio Risorse: come interpretare il consumo di RAM E’ risaputo che la gestione e l’analisi della memoria RAM presente su pc equipaggiati con sistemi Windows è, da tempi immemori, imprecisa e poco chiara a tutti gli utenti: molto lavoro si è fatto soprattutto con l’introduzione di un Monitoraggio Risorse più chiaro e usabile in Vista e 7 ma le incertezze rimangono tuttora.

Nel nostro caso analizzeremo Windows 7 che, già a partire dal Task Manager, ha fatto passi da gigante rispetto ai predecessori ma ancora nulla in confronto a Windows 8.

4 Etichette, 4 Definizioni (circa)

L’ammontare della memoria RAM presente su pc Windows viene suddivisa secondo 4 criteri: libera, disponibile, cache e totale.

Libera

Può essere usata immediatamente, non contiene nulla.

Disponibile

Questo valore include tutta la memoria a disposizione che può essere usata  perché non occupata (libera) ma anche la RAM in “Standby“, che include dati in “cache” di cui il sistema può liberarsi in ogni momento.

Cache

Qui le cose si complicano già un po’ di più: la voce in questione non include la memoria libera ma quella in standby e modificata.

Quest’ultima include tutto ciò che è stato modificato da un programma, caricata in “cache” dopo essere stata letta dall’HDD e abbandonata all’interno della RAM.

Questo spazio può essere liberato in ogni momento semplicemente passando alla fase di “scrittura” su disco dei dati modificati ma ciò avviene soltanto al momento dello spegnimento del pc e perciò, non può essere considerata come disponibile.

Totale

La quantità complessiva di memoria installata fisicamente all’interno del pc.

Tags:


Tips: abilitare Airdrop sui mac non supportati ufficialmente