Tutorialdock | Free Web Resources

Tutorial: virtualizzare Mac OS X

| di:

virtualizzare macosx Tutorial: virtualizzare Mac OS X

Dopo l’aggiornamento a Lion è stata eliminata Rosetta, l’applicazione che permetteva di eseguire applicazioni powerPC sul proprio mac Intel.

Le soluzioni per ripristinare questa comoda funzionalità sono due:

  • Creare una partizione dove installare Leopard in dual boot con Lion.

  • Virtualizzare il sistema.

La procedura seguente funziona con le versioni intel di Tiger e Leopard, ma NON con Snow Leopard

La virtualizzazione del sistema

Per virtualizzare Leopard è necessario scaricare l’ultima versione di VirtualBox dal sito del produttore.

Se avete già installato VirtualBox in passato, vi sarete accorti che è possibile installare solo la versione server di Mac OS X, e che, tentando di installare la versione desktop, l’installer non si avvia.

Per aggirare questo problema scaricate ed installate TextWrangler e create una copia del disco di installazione utilizzando Utility Disco.

Una volta fatto, montate l’iso appena creata (doppio clic), e, dopo aver fatto click con il tasto destro del mouse (o ctrl+click), modificate il file “version.plist” presente nella cartella contents utilizzando Text Wrangler, così:

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<!DOCTYPE plist PUBLIC "-//Apple//DTD PLIST 1.0//EN" "http://www.apple.com/DTDs/PropertyList-1.0.dtd">
<plist version="1.0">
<dict>
<key>BuildVersion</key>
<string>16</string>
<key>CFBundleShortVersionString</key>
<string>Mac OS X Server</string>
<key>CFBundleVersion</key>
<string>30</string>
<key>ProjectName</key>
<string>CDSpringboard</string>
<key>SourceVersion</key>
<string>300000</string>
</dict>
</plist>

Accorgimenti ed ultime impostazioni

Una volta salvate le modifiche, avviate VirtualBox e seguite la procedura guidata per la creazione della macchina virtuale. In base alle vostre esigenze e alla disponibilità, assegnate della memoria RAM alla macchina virtuale, (2048MB di solito vanno bene) e create un disco rigido (anche qui, modificate la capienza in base alle vostre esigenze).

Terminata la procedura guidata andate nel pannello delle impostazioni e procedete come descritto:

  • Impostate la versione del sistema operativo su “Mac OS X Server 64bit“.

  • Aumentate la memoria video e abilitate l’accelerazione 3D.

  • In “Archiviazione” selezionate il disco vuoto sotto la voce “Controller IDE” e, premendo sull’icona del CD sulla destra, selezionate l’immagine disco modificata.

L’installazione

Apportate le modifiche potete avviare la macchina virtuale ed iniziare l’installazione. Il disco rigido non sarà individuato subito, dovete prima formattarlo utilizzando l’Utility disco dell’installer.

Quando l’installazione sarà terminata tornate nel pannello delle impostazioni ed eliminate il Controller IDE, in modo che la macchina virtuale possa avviarsi dal disco rigido.

Dopo questa procedura non ci saranno grossi rallentamenti del sistema: abbiamo testato la macchina virtuale con uno stress test e contemporaneamente abbiamo utilizzato il sistema host, non notando grossi rallentamenti.

Tags:


Tips: abilitare Airdrop sui mac non supportati ufficialmente